Menu
AboutChirurgia EsteticaMedicina EsteticaRicostruzione SenoDiarioContatti
Menu

La mastoplastica additiva è un intervento di chirurgia estetica che consente di aumentare il volume del seno. Si può ricorrere a mastoplastica additiva per restituire al seno il volume perduto dopo una gravidanza, per correggere un'asimmetria tra i due seni oppure se si desidera aumentare la taglia del proprio seno.

L'operazione consiste nell'inserimento di una protesi mammaria in silicone all'interno di una tasca mammaria creata ad hoc. La tecnica chirurgica varia a seconda delle caratteristiche morfologiche della paziente: l'incisione può essere posizionata nel solco sottomammario oppure intorno all'areola. Attraverso l'apertura, si va a creare una tasta al di sotto della ghiandola o del muscolo per poi posizionare l'impianto che, a seconda dei casi, può essere di forma anatomica o di forma tonda.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore.

Post-operatorio: il recupero è assolutamente leggero, con la ripresa delle attività quotidiane nei primi giorni dopo l'intervento. Si può tornare all'attività lavorativa dopo una settimana e all'attività sportiva dopo circa 3-4 settimane.

La mastoplastica additiva dual plane è una tecnica di intervento mista in cui vengono combinati i vantaggi della mastoplastica sottoghiandolare e di quella sottomuscolare. In particolare, il muscolo viene solo parzialmente interrotto per coprire al meglio la protesi nel polo superiore, mentre il polo inferiore viene migliorato e posizionato dall’allestimento sottoghiandolare. La tecnica dual plane consente di ottenere risultati naturali anche con aumenti mammari sostanziali, una forma a goccia proporzionata e un polo inferiore esteticamente gradevole.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: il recupero è rapido e indolore; è possibile riprendere le attività quotidiane in pochi giorni e l'attività sportiva dopo 3-4 settimane.

La mastoplastica additiva ibrida, nota anche come Composite Breast Augmentation, aumenta il volume del seno combinando l’inserimento della protesi sottoghiandolare con la tecnica di lipofilling o transfer di tessuto adiposo. Il principale vantaggio consiste nel non dover operare sul muscolo: la protesi è posta sotto la ghiandola e sopra il muscolo e il volume mammario è completato e addolcito nei profili utilizzando il tessuto adiposo della paziente.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: il recupero è rapido e indolore; è possibile riprendere le attività quotidiane entro un paio di giorni e l'attività sportiva dopo 3-4 settimane.

La soft mastoplastica o minuti mastoplastica additiva è una particolare tipologia di intervento in cui si mantiene un volume di protesi più ridotto che consenta un aumento elegante e armonico del seno. Il vantaggio principale della minuti mastoplastica consiste in un cambiamento poco riconoscibile dell’aspetto del seno. I tempi di recupero sono praticamente immediati.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore.

Post-operatorio: il ritorno alle attività quotidiane è immediato; si consiglia di non sollevare le braccia e non sottoporsi a sforzi fisici intensi per 7-10 giorni.

La mastoplastica riduttiva è l'intervento volto a migliorare l’aspetto di mammelle eccessivamente voluminutiose mediante la riduzione e il rimodellamento. La diminutiuzione del volume del seno è indicata a pazienti con mammelle troppo grandi in proporzione alla corporatura, pendule e voluminutiose o notevolmente asimmetriche.

L’intervento consiste nella rimozione della parte in eccesso della cute e dei sottostanti tessuti della mammella. Se troppo grande, anche l’areola viene ridotta nel suo diametro. Il metodo più comune di riduzione mammaria comporta tre incisioni a forma di T rovesciata.
Varianti possibili sono le incisioni periareolare o periareolare con verticale. Si tratta di cicatrici piccole e sottili, facilmente occultabili. L’operazione e il post-operatorio sono indolore, con tempi di recupero veloci e una pronta ripresa delle attività quotidiane.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: per 3-4 quattro settimane sarà necessario indossare un un reggiseno contenitivo senza ferretto e astenersi da attività sportiva e sforzi intensi. In caso di gravidanza, non sussistono problemi per un eventuale allattamento.

La mastopessi è un intervento di lifting delle mammelle volto a sollevare e rassodare il seno svuotato o cadente, ripristinandone la forma e la posizione. Oltre alla predisposizione genetica, tra le cause più frequenti dei mutamenti del seno troviamo la perdita di elasticità dei tessuti, variazioni importanti di peso, gravidanza e allattamento. Queste condizioni spesso sono correlate e si influenzano tra loro.

La mastopessi può essere eseguita con o senza protesi mammarie. Nel caso in cui il seno risulti sceso ma con il volume conservato, sarà sufficiente un lifting mammario, senza protesi. Invece, se il seno risulta svuotato, può essere necessario ricorrere a una mastopessi additiva, con l’aggiunta di protesi mammarie. In entrambi i casi, le tecniche di intervento sono simili alla mastoplastica riduttiva, con incisioni sottili che lasciano cicatrici piccole e facilmente occultabili.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: convalescenza e tempi di recupero sono rapidi; si potrà rientrare alla vita sociale entro 2-3 giorni e all'attività dopo un mese.

Tutte le tipologie di intervento al seno possono essere corrette. Se il seno già operato si modifica nel corso del tempo oppure può non è soddisfacente dal punto di vista estetico, è possibile sottoporsi a un intervento di mastoplastica secondaria.

Il tipo di operazione varia a seconda della singola situazione della paziente.
Gli interventi di mastoplastica secondaria più frequenti sono:

Quando è obbligatorio sostituire le protesi al seno? Nella maggior parte dei casi, le protesi vengono sostituite e la tasca anatomica viene modificata e pulita.
Le protesi al seno vanno cambiate sempre in caso di infiammazione o rottura intracapsulare o extracapsulare. In caso di protesi mammarie PIP la sostituzione è sempre obbligatoria. Riguardo alle protesi Allergan, recenti studi hanno evidenziato una correlazione tra protesi Allergan e linfoma anaplastico della mammella (ALCL). Pur non essendo obbligatoria, la rimozione di protesi Allergan è molto richiesta.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: il rientro alle attività quotidiane e sportive è rapido e avviene entro qualche giorno dall'intervento.

Il seno tuberoso, anche noto come seno stenotico o Snoopy Breast, è una malformazione dello sviluppo delle mammelle che si manifesta durante l’adolescenza.
Il seno risulta allungato, cadente e costretto nella porzione inferiore. È spesso presente anche un’asimmetria di vario grado.
Questa anomalia estetica può influenzare negativamente lo sviluppo psicologico e relazionale delle pazienti.

In caso di seno tuberoso, è possibile ripristinare una forma più gradevole e armonica delle mammelle attraverso diverse tipologie di intervento, dal lipofilling all’inserimento di protesi mammarie. Gli interventi sono poco invasivi e poco dolorosi, avvengono in regime di day hospital o Day Surgery e la dimissione avviene normalmente entro la giornata stessa o quella successiva. La paziente dovrà indossare un reggiseno sportivo per almeno un mese.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: convalescenza e tempi di recupero sono rapidi; si potrà rientrare alla vita sociale entro 2-3 giorni e all'attività dopo un mese.

Gli interventi di chirurgia estetica ad areola e capezzolo servono a correggere difetti estetici congeniti o acquisiti, per esempio dopo un’operazione chirurgica.
È possibile correggere le imperfezioni con operazioni rapide in regime Ambulatoriale.
Gli interventi ad areola e capezzolo più frequenti sono:

Regime intervento: Ambulatoriale.

Post-operatorio: rientro molto rapido alle attività quotidiane senza particolari accorgimenti.

L’intervento ginecomastia viene eseguito per eliminutiare la presenza di mammelle nell’uomo, dovuta a un eccessivo sviluppo di tessuto ghiandolare (ginecomastia vera), di tessuto adiposo (ginecomastia falsa) o di entrambi (ginecomastia mista).

L’operazione per ginecomastia consiste nell’asportazione chirurgica della ghiandola o nella lipoaspirazione. La sede e l’estensione delle incisioni cutanee, quindi delle cicatrici, dipende dalla dimensione delle mammelle. Per ginecomastia vera e mista di grado lieve si procede con un'incisione limitata alla semicirconferenza inferiore delle areole. Nei casi più marcati, l’incisione è estesa all’intera circonferenza e viene asportato un settore anulare di cute.

Nella pseudo ginecomastia di grado lieve si procede con la liposuzione introducendo una sottile cannula attraverso un’incisione di 3-4 mm in corrispondenza dell’areola o sotto l’area mammaria. Nel grado marcato, la lipoaspirazione è associata ad asportazione chirurgica della pelle eccedente, come per la ginecomastia vera e mista.

Regime intervento: Day Surgery con dimissione dopo poche ore o 1 notte.

Post-operatorio: il rientro alle attività quotidiane avviene entro 2-4 settimane dall'intervento, durante le quali sarà necessario indossare una guaina contenitiva.